Presentazione Libro

 

“BETINA DONA CONTADINA”

Come deventar dona int’el mondo contadin veneto


La condizione della donna contadina tra le due guerre nel Basso Piave




Nell’ambito del ciclo di incontri promosso per la primavera dal Museo della Bonifica di San Donà di Piave, Venerdì 7 Maggio 2010, alle ore 18.00 si terrà presso la Sala del Coro del museo la presentazione del volume “Betina dona contadina. Come deventar dona int’el mondo contadin veneto”, a cura del Gruppo El Solzariol, con testi storici di don Giancarlo Ruffato.

Il volume illustra la condizione della donna contadina tra le due guerre nel Basso Piave.

Come scrive nella sua introduzione Claudio Caldo:

“Questa nuova iniziativa letteraria del Gruppo El Solzariol ci offre uno spaccato significativo della vita nelle nostre zone rurali, che ci riporta al passato, ma che non vuole far perdere nulla di quello che ci può essere utile sapere oggi e non solo sulle donne. La durezza del loro vivere in questo contesto appare subito, ma fa anche sentire la forza e lo spessore delle cose che ci lasciano in eredità, se le ascoltiamo e ci lasciamo interrogare da loro.
Le difficoltà economiche, sociali delle nostre famiglie fra le due guerre nel Basso Piave, risaltano vive dai loro racconti (…) Tuttavia la saggezza che ne emerge supera il grigiore della vita quotidiana, che non permette alle donne neppure la cura del proprio corpo e della propria bellezza e che, tuttavia, diviene interiore e vitale, patrimonio che parla della loro grandezza e decivsività nel fare la storia delle nostre campagne, delle nostre famiglie patriarcali. (…)
Non va dimenticata la loro presenza silenziosa, ma ricca di indicazioni concrete, di speranza, di forza di ripresa dopo ogni sconfitta e ogni morte infantile, ogni inondazione e disastro dalla tempesta alla guerra, dalla malattia al colera, alla malaria, alle epidemie, alle acque alte per le esondazioni del Piave. (…)
Ci balzano di fronte le figure delle nostre nonne, padrone di casa e biblioteca degli usi e costumi da tramandare, piene di equilibrio e di esperienza, che garantivano la continuità, l’accoglienza, il dialogo e l’avvio per nuove spose, per i figli e i nipoti e per il futuro della cultura contadina”.

Il libro sarà presentato da don Giancarlo Ruffato, con un’introduzione del prof. Claudio Caldo di “Raise Venete”.

Ingresso libero